Voglio che tu sia felice

epost51Sogno da tutta la vita un mondo di persone felici, realizzate, pienamente soddisfatte di se stesse e dei propri risultati.

Già da piccola avevo questo sogno insistente, una fissazione direi. Crescendo ho avuto momenti di alti e bassi: a volte questa spinta, schiacciata dalla fatica di vivere e di essere felice io stessa, finiva nel solito sfortunato cassetto dei sogni. Altre volte però, quello stesso sogno, pieno di tenacia e determinazione, si apriva il cassetto da solo e veniva  a piazzarsi sulla mia scrivania, reclamando la mia attenzione.

Il fatto è che, essere felici, è un’alchimia complicata a cui nessuno finora sembra aver dato delle risposte soddisfacenti. Non abbastanza quanto meno per riuscire a dare una formula unica, replicabile e sicura, in grado di mettere le persone nelle condizioni di procurarsi da sè questa preziosa e rara sostanza.

Ho fatto un piccolo sondaggio nei giorni scorsi sulla mia pagina Facebook e, a parte un’unica pecora nera con una percentuale di 90, tutte le altre persone che hanno risposto ritengono di essere state felici nella loro vita mediamente per un 15% del loro tempo.

Ora, io mi chiedo: e tutto il resto della vita? Dobbiamo necessariamente continuare a trascorrerlo sentendoci insoddisfatti, tristi, annoiati o in ansia?

Poi è arrivata la crisi.

E le cose sono, incredibile a dirsi, ulteriormente peggiorate. Tutti noi all’inizio pensavamo che fosse un incidente temporaneo, la crisi. Una specie di sgambetto della vita come magari poteva essere già successo ad altre generazioni prima della nostra. Ma ormai è chiaro a tutti che questa della crisi è in realtà la nuova condizione stabile a cui dobbiamo abituarci.

“Lo scenario mondiale, quello delle vecchie affidabili certezze, è cambiato” dice Pietro Trabucchi nel suo ultimo libro Tecniche di resistenza interiore.

E se vogliamo essere onesti con noi stessi, dobbiamo cominciare ad accettare a nostra volta questa realtà.

Il mondo, così come esisteva prima, oggi non c’è più. Non solo, il nuovo mondo in cui siamo ora obbligati a vivere è un mondo per il quale siamo tutti, sostanzialmente e gravemente impreparati.

Il punto è quindi: essere felici è dunque un sogno da abbandonare definitivamente? E’ una velleità sciocca e grottesca?

Da un altro sondaggio che ho fatto in questo periodo è emerso che la maggior parte delle persone ritiene che la felicità sia qualcosa che “capita”, un momento sfuggevole e non certo sotto il nostro controllo.

Siamo stati convinti – e lo sono stata convinta a lungo anch’io – che la felicità fosse una specie di farfalla sfuggevole da rincorrere con determinazione sperando di riuscire ad acchiapparla prima o poi. E una volta presa, poi, tenersela stretta.

Niente di più lontano dalla realtà! Tant’è che, quei pochi momenti che si prova un istante di felicità, lo si vede poi andare via con la stessa velocità con cui è arrivato, senza nemmeno riuscire ad accorgecene. Così abbiamo definitivamente abbandonato il pensiero di poter avere una qualsiasi forma di controllo della nostra felicità, rassegnandoci con un certo fatalismo a prendere quel che capita.

Alcuni, non disposti a lasciarsi comandare dalle cose, hanno cominciato a sostituire la ricerca della felicità con la ricerca del piacere, della gratificazione personale, del successo materiale. A prescindere se questa sia o meno una via saggia da percorrere, c’è un dato di fatto significativo con cui fare i conti: le persone che hanno le carte in regola per giocare al gioco del successo al giorno d’oggi sono pochissime.

albero dei soldiLa conseguenza di tutto questo è quel mondo selvaggio che si incontra troppo spesso, soprattutto in internet: ladri e furbacchioni che propongono affari con ritorni a cifre impossibili, affabulatori che ti promettono di imparare a guadagnare fino al 25% o il 50% o oltre del tuo capitale, solo facendo queste piccole facili operazioni quotidiane.

Poi vai ad approfondire e ti viene la nausea quando scopri quante persone sono rimaste malamente fregate da questi cialtroni sempre più numerosi e ben mascherati. La coppia di pensionati che ha fatto il mutuo sulla casa per investire in un grande progetto di questi e ora si ritrova senza soldi e senza casa.

O il commercialista con cui eravamo al telefono ieri sera truffato malamente da un altro sedicente affarista.

La situazione insomma è tutt’altro che semplice. Vorremmo essere felici ma la felicità è come un’imprendibile farfalla. Allora pensiamo di ripiegare sull’avere un pò di tranquillità economica ma la crisi, i truffatori e la nostra poca esperienza ci sbattono ripetutamente a terra.

C’è speranza?

Secondo me, sì. Però non è una di quelle speranze che puoi vendere a poco prezzo, tipo “fai questi semplici magheggi a colazione, pranzo e cena, beviti questo bibitone e prenditi queste quattro pillole” e voilà il gioco è fatto.

Chi ancora sogna di uscire dai casini in cui si trova con una soluzione veloce di quelle dalla sera alla mattina è destinato invariabilmente a peggiorare solamente la sua situazione.

neuromarketingNon solo. Chi è ancora convinto che esista un’unica soluzione, un sistema per guadagnare o un sistema per diventare felici e smettere di soffrire, è altrettanto destinato a rimbalzare da un’inutile e affascinante promessa di marketing all’altra.

Il marketing può essere una disciplina interessante ma è e resta sostanzialmente MANIPOLATORIA. Fa leva sui tuoi bisogni, sulle tue paure, sulle tue preoccupazioni per proporti ciò che vuole affibbiarti da un’angolatura tale che tu sei costretto a pensare “oh ecco! questa è proprio quella cosa che mi serviva e che risolverà i miei problemi”. (Se pensi che sia un’affermazione esagerata, fai pure in giro in libreria…)

Poi la guardi, la usi e invariabilmente scopri che i tuoi problemi non li risolve, non tutti di sicuro.

Sai perchè? Perchè la soluzione non sta fuori di te.

La soluzione dei tuoi problemi sei e puoi essere solamente tu. Non esiste nessuna formula prefabbricata in grado di portarti a trovare le risposte che cerchi.

Esiste solo la possibilità che tu decida di cominciare da questo momento in poi a fare regolarmente allenamento per rafforzare i tuoi muscoli di RESILIENZA, quei muscoli cioè che ti insegnano a diventare tosto interiormente quanto basta per uscire nel mondo e conquistare quello che ti serve. Tosto abbastanza da avere la forza di cercare la tua risposta a lungo quanto basta per riuscire a trovarla, senza mollare prima.

Questo devi riuscire a fare. E sai qual è la cosa fantastica? Che quando decidi di volerlo fare, se segui le istruzioni semplici che ci ha dato madre natura, scopri anche che l’ALLENAMENTO alla RESILIENZA è ESATTAMENTE il SISTEMA BIOFISICO CHE TI FA SENTIRE FELICE.

Questa te la ripeto perchè è meravigliosa e pare troppo bella per essere vera.

LA FELICITA’ SI PUO’ CREARE MATERIALMENTE, BIOCHIMICAMENTE, all’interno del tuo corpo, QUANDO VUOI, in qualsiasi momento e spazio.

E si crea esattamente facendo quell’allenamento che, guarda caso, ti serve per diventare quella persona in grado di risolvere i problemi che hai nella tua vita, superare i tuoi ostacoli o portare la tua situazione attuale ad un livello migliore e più soddisfacente di quanto già non sia.

Non so tu, ma io lo trovo semplicemente favoloso.

Ah, ultima cosa fondamentale. Niente di new age o spiritualistico in tutto ciò. Solo pura, provata SCIENZA.

Se vuoi approfondire e capire come fare in concreto, qui c’è lo strumento che fa per te.

Guerriero per Scelta

%d bloggers like this: